info@credilnetwork.it
345 6282071
14
Giu

Cessione del Quinto neo assunti

La Cessione del Quinto è un prestito creato apposta per i Dipendenti Pubblici, anche se neo assunti. Ciò significa che il TFS del dipendente non è necessario al perfezionamento dell’operazione.

La garanzia principale per la banca è rappresentata unicamente dalla solidità del posto di lavoro

L’impiego Pubblico o Statale permette quindi di superare una delle principali difficoltà di accesso ad un finanziamento, ovvero l’anzianità lavorativa. A differenza della Cessione del Quinto, quando si chiede un Prestito personale (con addebito della rata sul conto corrente) al cliente viene assegnato uno scoring, un punteggio. I criteri principali che stabiliscono questo score sono:

  • Storico creditizio
  • Anzianità lavorativa
  • Crif senza segnalazioni

In genere chi ha una assunzione recente a tempo indeterminato non ha uno storico creditizio poichè difficilmente viene concesso un prestito a chi ha contratti a tempo determinato o di altro tipo. Di conseguenza accade che anche a fronte di un contratto a tempo indeterminato sia necessario un garante per ottenere il primo finanziamento (con addebito sul conto corrente), in alternativa vengono finanziati piccoli importi per censire il cliente.

Per la Cessione del Quinto questa regola non vale: non appena ottenuta una assunzione a tempo indeterminato si può richiedere il massimo importo in relazione al quinto cedibile

Nell’esempio c’è il B1 (certificato di stipendio) di un neo assunto nella scuola, da due mesi. Il dipendente in questione ha ottenuto una Cessione del Quinto con rata 284 x 120 mesi, ovvero il massimo possibile.

La Cessione del Quinto è sempre possibile per un neo assunto Pubblico o Statale, mentre non è fattibile per un Dipendente privato per il quale è fondamentale il TFR accantonato (almeno 2.000 euro).

Se vuoi maggiori informazioni sulla Cessione del quinto per neo assunti puoi compilare il modulo di contatto oppure puoi scrivermi subito su:

WhatsApp

 

e ottenere una consulenza: una chiacchierata al telefono non costa nulla!

Articoli Interessanti

22
Dic

Prestito auto rifiutato, cosa fare

L’acquisto auto è spesso finanziato con un prestito offerto direttamente in concessionaria, a condizioni particolari, e accade non di rado che venga rifiutato. La maggior parte delle case automobilistiche ha la sua finanziaria che propone finanziamenti destinati all’acquisto della auto nuove.

Si tratta pur sempre di una banca, quindi i criteri di valutazione sono gli stessi di un qualsiasi prestito personale.

A differenza della Cessione del Quinto, il prestito con trattenuta della rata sullo stipendio o sulla pensione, il finanziamento auto fatto direttamente in concessionaria prevede queste principali verifiche sul cliente:

  • Controllo Crif per regolarità dei pagamenti
  • Storico creditizio
  • Esposizione debitoria

Sostanzialmente si richiede al cliente di essere censito come pagatore di prestiti, di essere perfettamente in regola con tutti questi pagamenti e di non essere indebitato in modo da non sostenere le spese familiari.

Se una qualsiasi di queste condizioni non è rispettata il prestito verrà rifiutato e verrà inviata una segnalazione di questo rifiuto alle banche dati come Crif.

In caso di rifiuto del prestito per i Dipendenti a tempo indeterminato e per i Pensionati c’è una soluzione, ovvero la possibilità di chiedere la Cessione del Quinto. Quindi una soluzione praticabile garantita dal pagamento della rata direttamente in busta paga o sulla pensione.

La Cessione del Quinto offre un triplice vantaggio nel caso in cui il prestito in concessionaria venisse rifiutato:

  • E’ fattitbile fino a 120 mesi con riduzione della rata
  • Ha un Taeg competitivo
  • Può essere usata anche per consolidare altri debiti

Queste caratteristiche sono uniche e non si riscontrano nell’ambito dei prestiti personali che hanno durata massima di 84 mesi e non possono consolidare situazioni preesistenti.

La Cessione del Quinto a 120 mesi offre la possibilità di ottenere la somma necessaria al finanziamento dell’auto e una somma extra per consolidare una o più debiti per contenere tutto in un’unica rata più bassa.

Inoltre il costo del finanziamento – indicato dal Taeg – è estremamente competitivo soprattutto per i Dipendenti Statali e i Pensionati che al momento della sottoscrizione della Cessione hanno meno di 70 anni.

Se il prestito auto è stato rifiutato e vuoi maggiori informazioni sulla Cessione del Quinto puoi compilare il modulo di contatto oppure puoi scrivermi subito su:

WhatsApp e ottenere una consulenza: una chiacchierata al telefono non costa nulla!

Articoli Interessanti

8
Set

Cessione del Quinto per un Militare a confronto con un Prestito personale

Un Militare assunto a tempo indeterminato ha a disposizione diverse tipologie di finanziamento: Cessione del Quinto, Prestito Personale, carte Revolving, affidamenti in conto corrente. E’ quello che si potrebbe definire un cliente TOP, ovvero un cliente perfetto con un contratto di lavoro sicuro con Enti Statali come Esercito, Aeronautica, Marina Militare.

Detto questo quale Prestito scegliere?

Il modo migliore per verificare è, come al solito, andare in giro su Internet e cercare le migliori offerte di Prestito Personale per poterle confrontare con la Cessione del Quinto che distribuisco tramite Dynamica retail Spa. Per correttezza e per mantenere anonimato chiamerò le due finanziarie Banca A e Banca B: si tratta di due Istituti di Credito molto attivi su internet e molto presenti anche in campagne TV. Per tale ragione si tratta probabilmente dei due prodotti di Prestito personale più vantaggiosi e venduti sul mercato.

  • Banca A
  • Rata 319
  • Durata 96 mesi
  • Erogato 20.000
  • Taeg 10,05%
  • Banca B
  • Rata 307
  • Durata 96 mesi
  • Erogato 20.000
  • Taeg 8,77%

L’esempio di Cessione del Quinto in tabella è riferito ad un Militare di 35 anni e, come si può notare, è nettamente più vantaggioso dei Prestiti delle due Banche (dati ricavati da internet dai rispettivi siti delle finanziarie). A parità di importo erogato (20.000) e durata (96 mesi) c’è una differenza di 39 euro sulla rata rispetto alla Banca B.

In termini pratici lo stesso identico finanziamento costa – 39 euro x 96 mesi – ovvero 3.744 euro in più sotto forma di Prestito Personale rispetto alla Cessione del Quinto!

Ma quali sono le differenze tra questi due tipi di finanziamento che giustificano questo divario?

Si tratta di due forme di Finanziamento molto diverse: col Prestito Personale addebiti la rata direttamente sul conto corrente, mentre con la Cessione viene trattenuta in busta paga direttamente dall’Amministrazione Militare. La Cessione del Quinto è un prestito garantito dall’intervento dell’Ente Statale che si occupa dei pagamenti e ciò rappresenta una garanzia per l’Istituto di Credito che potrà applicare condizioni estremamente favorevoli (essendo praticamente sicuro del buon fine dei pagamenti). In basso nei due tab trovi altre differenze tra i due finanziamenti esaminati:

Tipo di FinanziamentoTempi di erogazioneControllo in CRIFDurata massima
Prestito Personalecirca una settimanaprevistoin genere max 96 mesi
Cessione del Quintodue-tre settimaneNon previstofino a 120 mesi

Le due principali debolezze del Prestito Personale sono il controllo del merito creditizio e la durata massima. Il controllo della CRIF esclude chi ha avuto problemi (anche piccoli) di pagamento: il prestito viene bocciato automaticamente. Anche la durata massima rappresenta un limite: la maggior parte dei prestiti personali arrivano a 84 mesi (oltre solo poche eccezioni). Di contro la Cessione del Quinto è fattibile fino a 120 mesi (con possibilità di rate più basse) e viene concessa anche in presenza di segnalazioni in banche dati.

Per quanto riguarda i tempi di erogazione bisogna fare alcune valutazioni. Il prestito personale (soprattutto in versione online) è piuttosto rapido, ovvero prevede una delibera di pochi giorni dopo di che vengono generati i contratti e parte il bonifico sul conto corrente (se va tutto a buon fine). La Cessione del Quinto ha invece tempi più variabili poichè i contratti devono essere notificati alle Amministrazioni Militari dalle quali poi si deve ricevere l’Atto di Benestare. Questo processo può durare alcuni giorni o anche qualche settimana (dipende dall’Ente con cui si ha a che fare). Questo piccolo limite della Cessione si può attenuare con la possibilità di anticipi erogabili rapidamente.

Ad ognuno le sue valutazioni! Una maggiore rapidità di erogazione vale 3.744 euro a fronte di un importo finanziato identico?

Vi invito a segnalarmi un eventuale Prestito Personale con caratteristiche migliori dei due indicati in questo esempio: potete scrivere un commento in basso o contattarmi tramite il sito. In tal modo posso procedere a revisionare e correggere l’articolo. L’esempio di Cessione del Quinto è riferito ad un militare di 35 anni (le tariffe assicurative obbligatorie sulla Cessione variano in ragione dell’età) e non costituisce offerta al pubblico: per essere chiari si tratta solo di un esempio, nel caso concreto il cliente deve ricevere un’offerta dettagliata in base al suo profilo, un’informativa completa e successivamente, in caso di interesse verso il preventivo proposto, la pratica verrà valutata dalla Finanziaria di cui sono Agente Monomandatario, ovvero Dynamica Retail Spa che si riserva il diritto di accettare o meno il finanziamento.

Per questa ragione, se sei un Militare e desideri avere maggiori e più precise informazioni sulla Cessione del Quinto compila il modulo di contatto e chiedi una consulenza: una chiacchierata al telefono non costa nulla!

Articoli Interessanti

 

 

15
Mar

Cessione del Quinto Docente scuola in prova

Un docente o insegnante appena passato in ruolo e durante l’anno di prova può accedere alla Cessione del Quinto, in virtù di un’assunzione a tempo indeterminato giuridica ed economica. Mi capitano spesso casi del genere, e il punto da cui partire per una valutazione è sempre il contratto firmato da docente e Ministero dell’Istruzione.

In genere mi trovo di fronte a contratti con decorrenza giuridica di molti anni indietro e decorrenza economica a partire dall’anno in corso o anno di prova.

contratto insegnante in prova

Nell’esempio c’è uno stralcio del contratto in cui si parla chiaramente di anno in prova che parte con decorrenza giuridica 1 Settembre 2015. In linea teorica la Cessione sarebbe possibile solo a partire dall’anno successivo, ovvero dal 1 Settembre 2016. In pratica l’anno in prova è una formalità che non viene considerata, pertanto sia la Finanziaria, nel mio caso Dynamica Retail, sia la compagnia di assicurazione che copre il rischio impiego non hanno problemi ad approvare la pratica.

La verifica dell’assunzione a tempo indeterminato viene dal modello B1, o certificato di stipendio, che scarico dal sito NoiPa, il portale della Pubblica Amministrazione. Nel caso di un docente in prova il documento ha questo aspetto:

b1 insegnante in prova

Come potete notare il dato giuridico esprime chiaramente la posizione a Tempo Indeterminato, mentre in basso nella parte cerchiata è evidenziato il Quinto Cedibile, ovvero la massima rata che il docente può utilizzare per la Cessione.

Ci sono quindi tutti gli elementi per istruire una pratica di finanziamento, le RTS (le Ragionerie Territoriali) dovranno quindi accettare la notifica del contratto e provvedere alla messa in quota della rata previo rilascio del Benestare, come stabilito dal DPR 180/50.

Se vuoi una consulenza gratuita o un preventivo contattami tramite il modulo, ti richiamerò per una chiacchierata senza impegno!

9
Mar

Cessione del Quinto Polizia – Convenzione SAP Sindacato Autonomo

Per tutti gli agenti di polizia iscritti al SAP è attiva una interessante convenzione per la Cessione del Quinto e per la Delega. Si tratta di un accordo esclusivo stipulato tra Dynamica Retail Spa, la società finanziaria per cui sono Agente diretto, e i vertici del Sindacato che conta circa 20.000 iscritti.

A differenza delle convenzioni standard che propongono uno sconto sul prezzo di listino, per la Cessione del Quinto questo non è possibile poichè non esiste un elenco di prodotti e prezzi, ma soltanto preventivi personalizzati in base all’età e all’anzianità di servizio. Per tale ragione e per correttezza preciso che i vantaggi di tale accordo saranno valutabili solo chiedendo un preventivo e confrontandolo con eventuali altre offerte.

Dal punto di vista gestionale sul nostro portale Dynamica sono stati creati due prodotti specifici Cessione Polizia SAP e Delega Polizia SAP con condizioni favorevoli e costi ridotti in virtù dell’accordo.

Qui di seguito il momento della firma tra il Direttore Generale Dynamica Alessio D’Arpa e il Segretario SAP Polizia Gianni Tonelli.

Convenzione Cessioni Polizia SAP

La convenzione sarà pubblicizzata presso tutte le sedi fisiche e in rete del SAP, sia a livello Nazionale che a livello locale. Poichè si tratta dell’unica convenzione in ambito finanziario riservato ai tanti iscritti del sindacato è stata dedicata una struttura interna a Dynamica per gestire le richieste e verificare che vengano applicate le condizioni previste dall’accordo. Tramite i diversi canali di contatto il richiedente iscritto al SAP sarà gestito da un Agente Dynamica che gli fornirà tutte le informazioni e un preventivo su misura.

Anche tramite questo sito, compilando il form di contatto puoi ricevere una consulenza gratuita e senza impegno, valuta poi il preventivo e fai la giusta scelta per un prestito importante come la Cessione.

 

12
Nov

Calcolo Cessione del Quinto per un Dipendente Statale

Per ottenere il calcolo della Cessione del Quinto per un Dipendente Statale basta richiedere due o più preventivi gratuiti e valutare il netto ricavo offerto dai diversi Agenti o Società. Internet è uno strumento prezioso in quanto consente di entrare in contatto rapidamente con i professionisti abilitati a distribuire questa particolare forma di prestito.

Il preventivo indicherà chiaramente la rata, la durata, le spese e, soprattutto, il netto ricavo dell’operazione ovvero la liquidità che verrà erogata al Dipendente Statale. Tramite questi dati sarà immediato il confronto tra i diversi prodotti offerti. La rata massima è di facile determinazione poichè, per una certa tipologia di Dipendenti (quelli pagati dalle RTS), è indicata in busta paga. Per gli altri si esegue un semplice calcolo a partire dallo stipendio base.

Di seguito alcuni esempi di netto ricavo riferiti ad una Cessione del Quinto Statale con rata 200 euro x 120 mesi di durata:

I numeri in grassetto indicano il netto ricavo a seconda del tipo di prodotto. In linea generale si può notare che quello che incide maggiormente sui costi di una Cessione del Quinto Statale è la Polizza su Rischio Vita ed Impiego. Per tale ragione le Cessioni Statali si possono dividere in tre tipi fondamentali:

  • Cessione del Quinto Statale Junior: età massima alla scadenza 57 anni
  • Cessione del Quinto Statale Standard: età massima alla scadenza 66 anni
  • Cessione del Quinto Statale Senior: età massima alla scadenza 76 anni

Ovviamente, in base all’età, ci saranno leggere oscillazioni sui costi assicurativi: la polizza sulla Cessione del Quinto è obbligatoria e rappresenta una garanzia sia per la Banca che che per il cliente. Per tale ragione è bene richiedere un preventivo personalizzato in modo da valutare attentamente il netto ricavo effettivo dell’operazione.

Una domanda che spesso mi viene posta è: come si fa a fidarsi di un Agente contattato tramite Internet? La risposta è semplice: basta verificare l’appartenenza all’apposito elenco tenuto dall’OAM (Organismo Agenti e Mediatori) e sottoposto alla vigilanza della Banca d’Italia. Un agente, come lo sono io, per essere iscritto a tale elenco deve possedere requisiti di onorabilità e requisiti professionali stabiliti dal regolamento emanato dall’OAM.

Per effettuare la ricerca di un Agente abilitato basta andare sul sito dell’OAM a questo indirizzo (il sito dell’OAM funziona meglio con Internet Explorer o Chrome, meno con Firefox):

https://www.organismo-am.it/ricerca-generica

Quindi inserire il nome dell’Agente e cliccare su RIcerca. Di seguito una schermata dove ho inserito il mio nome Francesco Ianora

ISCRIZIONE OAM

Tramite questa ricerca è possibile anche ricavare il numero di iscrizione, nel mio caso A3239. La presenza nell’elenco OAM garantisce che l’Agente abbia un mandato da un Istituto autorizzato ad erogare la Cessione del Quinto e che il suo profilo sia stato verificato dall’Organismo.

Se sei interessato ad avere maggiori informazioni sulla Cessione del Quinto compila il modulo di contatto e verrai richiamato per una consulenza gratuita.

Articoli Interessanti

4
Giu

Cessione del Quinto Carabiniere

La Cessione del Quinto per un Carabiniere è un prodotto del tutto simile ad una Cessione del Quinto per un Dipendente Statale. Per tale ragione le  condizioni sono interessanti come per tutti i dipendenti dello Stato. Per avviare l’istruttoria il militare otterrà dalla caserma da cui dipende un attestato di servizio e l’autentica della busta paga dal suo comandante. Il quinto cedibile viene calcolato tramite i dati riportati sulla busta paga stessa, considerando lo stipendio base al netto di ritenute sociali e previdenziali.

Tale calcolo è di facile elaborazione grazie al fatto che la busta paga di un Carabiniere riporta, per ogni voce, il dato lordo e netto, come si evince dall’esempio riportato in basso.

busta paga carabiniereUna volta elaborato il quinto cedibile (che esprime la massima rata utilizzabile per la Cessione del Quinto), la pratica può essere deliberata e i contratti notificati al Centro Nazionale Amministrativo di Chieti. Sarà questo comando a valutare la completezza dei documenti notificati e a rilasciare B1 e atto di Benestare per la messa in quota della trattenuta. Solo in questa fase il Centro Amministrativo rilascia il documento che attesta la retribuzione netta del militare, quindi risulta particolarmente importante calcolare l’esatto quinto a disposizione del Carabiniere per la Cessione. Ovviamente se il contratto notificato dovesse riportare una rata superiore al Quinto che si evince dal B1 la pratica sarà annullata.

Cessione del Quinto e altri prestiti

La Cessione del Quinto può coesistere con eventuali pignoramenti o altre forme di delega o prestito. Come si vede nella busta paga riportata sopra a titolo di esempio è presente un piccolo prestito Inpdap (indicato dalla freccia rossa): in tal caso è possibile istruire la Cessione del Quinto e il Centro Amministrativo procederà alla messa in quota. Per quanto riguarda il pensionamento la Cessione, come per ogni dipendente Pubblico o Statale, proseguirà sulla pensione Inps ex Inpdap.

Se sei un Carabiniere e vuoi maggiori informazioni sulla Cessione del Quinto compila il modulo di contatto e verrai richiamato per una consulenza gratuita.

Articoli Interessanti

 

14
Nov

Cessione del Quinto per un Militare dell’Esercito

La Cessione del Quinto per un Dipendente dell’Esercito Italiano è considerata come un prodotto Statale sia per le condizioni applicate che per la polizza obbligatoria. Ciò significa che un Militare dell’Esercito a tempo Indeterminato è considerato a tutti gli effetti un Dipendente Statale e, come tale, può richiedere la Cessione dopo appena tre mesi di assunzione definitiva.

L’Attestato di Servizio

L’Attestato di servizio è un documento indispensabile per poter istruire una pratica di Cessione del Quinto ad un Militare dell’Esercito. Sulla prima pagina della busta paga dei Militari non è, infatti, riportata la data di assunzione a tempo indeterminato. Solo in seconda pagina c’è un riepilogo degli avanzamenti di carriera come riportato nell’immagine in basso.

Busta Paga EsercitoIn questo esempio la data di arruolamento è 13/12/2006, ma il passaggio a tempo indeterminato è rappresentato dalla data di qualifica come Primo Caporal Maggiore: 17/12/2011. Per evitare ogni equivoco basta chiedere alla Caserma di appartenenza l’Attestato di Servizio o Modello B, sul quale è riportata la data di assunzione e l’anzianità maturata.

Il Modello B1 per i Militari

Il Modello B1 per un Dipendente dell’Esercito è l’equivalente del Certificato di Stipendio per un Dipendente Pubblico o Privato. Rappresenta il dettaglio della retribuzione e il calcolo del Quinto del Militare. E’ inoltre presente l’indicazione di eventuali Cessioni o Deleghe da estinguere, in basso un esempio di B1.

Modello B1 per Militare EsercitoUna volta ottenuti dalla Caserma in cui il Militare presta servizio il Quinto cedibile e la data di Assunzione sarà possibile calcolare un preventivo e caricare la pratica.

Se vuoi maggiori informazioni sulla Cessione del Quinto per un Militare dell’Esercito compila il modulo di contatto e verrai richiamato senza nessun impegno!

Articoli Interessanti

 

19
Mar

Benestare di Cessione del Quinto per un Dipendente Statale

Il Benestare di una Cessione del Quinto è l’atto conclusivo dell’iter della pratica, attraverso il quale l’Amministrazione assume l’obbligo di trattenere e versare le rate all’Istituto Finanziatore. Affinchè tale atto venga rilasciato è necessario aver provveduto a tutti gli adempimenti necessari al perfezionamento della pratica. Tale procedura è diversa a seconda che si tratti di un Dipendente Statale, Pubblico, Privato o di un pensionato.

Nel Benestare sono indicati tutti gli elementi che caratterizzano il prestito come la rata, il numero delle rate, eventuali altri impegni da estinguere e la decorrenza, ovvero il mese in cui ha inizio la trattenuta. Di solito il benestare viene anticipato all’Agente in Attività Finanziaria via fax o tramite posta certificata, consentendo la liquidazione immediata della pratica. L’originale viene poi spedito in duplice copia per consentire l’archiviazione del documento.

Di seguito c’è un esempio di Benestare per un Dipendente Statale. Il documento riporta il riepilogo della retribuzione con l’indicazione del Quinto Cedibile e l’obbligo, da parte dell’Amministrazione di non accettare altre richieste di Cessione del Quinto notificate successivamente: un’ulteriore garanzia per la Banca per poter procedere alla liquidazione senza incorrere in disguidi o insolvenze.

Benestare Cessione del Quinto Dipendente Statale

L’esempio di Benestare riportato sopra è riferito ad un Dipendente Statale la cui operazione di Cessione del Quinto va oltre il termine di quiescenza, ovvero oltre la data di pensionamento. La trattenuta, operata in una prima fase dalla Ragioneria di Stato viene successivamente trasmessa all’Inpdap fino al termine del Finanziamento.

Il Benestare equivale ad un contratto che obbliga il datore di lavoro ad effettuare le trattenute sullo stipendio del dipendente. Se vuoi avere informazioni sulla Cessione del Quinto o sulla Delega di Pagamento per Dipendenti Statali chiedi informazioni gratuite tramite il modulo di contatto sarai ricontattato per una consulenza!

Articoli Interessanti

14
Mar

Certificato di Stipendio e modello B1 per Dipendenti Statali

Il modello B1 sostituisce il certificato di Stipendio ad uso Cessione del Quinto e Delega per un Dipendente Statale. Tale certificato può essere elaborato dall’Amministrazione da cui dipende il cedente, con tempi di rilascio variabili, da uno a dieci giorni. Per ovviare a questa attesa, il DAG (Dipartimento dell’Amministrazione generale) ha messo a punto un sistema telematico chiamato Credito Net a disposizione di Banche e Finanziarie. Tale procedura permette agli Agenti in Attività Finanziaria di avere accesso immediato al modello B1 compilato in automatico e procedere in tal modo rapidamente con l’istruttoria della pratica.

Accesso a Credito Net per richiedere B1 ad uso Cessione del Quinto

Tramite il modello B1, un vero e proprio certificato di stipendio, è possibile avere accesso ad informazioni fondamentali per ottenere la Cessione del Quinto: quinto cedibile, data di assunzione, eventuali altre trattenute con specifiche di residuo e durate. Per una valutazione preliminare la quantificazione del Quinto è disponibile, soltanto per i Dipendenti Statali, direttamente sulla Busta Paga di solito appena sotto l’indicazione del netto, come si vede nell’esempio in basso.

Esempio di Quinto Cedibile su Busta Paga di un Dipendente Statale

 

La procedura per la Delega di Pagamento è stata simile a quella per la Cessione fino a pochi mesi fa. Attualmente per procedere con la delibera della pratica si utilizzano le ultime due buste paga e, fra queste, si sceglie il quinto cedibile più basso per calcolare la massima rata cedibile.

In conformità a quanto previsto dalla Circolare n.1 della Ragioneria Generale dello Stato emanata in data 17.1.2011 il modello B1 è stato sostituito dall’Allegato C. Tale modello compilato e firmato dal cedente viene notificato insieme ai contratti e alla polizza all’Amministrazione da cui dipende il cliente. L’allegato C verrà poi autenticato dall’Amministrazione ed inviato alla Ragioneria di Stato (ex DTEF) per il rilascio del Benestare e la messa in quota della trattenuta. In basso un fac simile dell’Allegato C.

C-Fac-simile_di_istanza_di_delegazione_di_pagamento_per_i_contratti_di_finanziamento-1

Per qualsiasi informazione in merito alla Cessione del Quinto o alla Delega di Pagamento per Dipendenti Statali, compila il modulo di contatto e riceverai una consulenza rapida e gratuita sulla procedura e sui tempi di erogazione. Inoltre è possibile chiedere un preventivo, non impegnativo, per poter valutare le migliori condizioni sul mercato.

Articoli Interessanti

Scrivimi su WhatsApp